In evidenza

UPDATE ON UKRAINE - 2

Letter from Sr. Pilar del Barrio and Sr. Margaret Mayce, 23 Mar 2022

You can download the letter from Sr. Pilar and Sr. Margaret by clicking on the language: English, French, Italian, Spanish

You can download the correspondence from Sr. Hannah Rita Laue from Latvia on their work with the refugees: English, French, Italian, Spanish

Dear Sisters,

As we witness each day the tragedy that continues to unfold in Ukraine, we are sure that each one of you struggles to know how best to respond. We have tried to keep you informed about our Sisters who live in the surrounding countries – Czech Republic, Hungary, Latvia, Poland and Slovakia – and how they are offering assistance to refugees; as well as our Sisters in Madrid, who are welcoming refugees from Kyiv, where they had been ministering before the war broke out. Many of you have responded by sending financial assistance, which has been an enormous help. We have recently received some information from the heads of some Catholic institutions, National Conferences of Religious and National Bishops’ Conferences that we feel would be helpful to you as you continue to discern how best to respond. In Europe, NATIONAL GOVERNMENTS, CARITAS INTERNATIONAL AND THE INTERNATIONAL RED CROSS together with some other NGOs are working together within each country to organize the reception of refugees. The important thing to remember is that it is not simply a case of bringing people into other European countries; but also providing them with all the necessary support systems once they are here: health care; counselling; education; language; shelter; employment; etc. In other words, all that is needed to help people become integrated into their new homes and countries. Since this refugee crisis will become part of our reality moving forward, it is very important that the response be well-coordinated by professionals, and not by individuals or groups.

So, our recommendation to you is the following:

  • Connect with those who are coordinating refugee assistance within your countries; CARITAS INTERNATIONAL, THE RED CROSS, AND OTHER NATIONAL / LOCAL AGENCIES.
  • Consider offering empty convents; schools; or other empty facilities to CARITAS as potential places to house refugees.
  • Consider offering available space where you currently live, and let CARITAS know of this availability.
  • Consider financial assistance to those Sisters who are bearing the major crush of refugees at this time – especially the Sisters in Slovakia and Latvia.

We believe that we all must be ready to respond in whatever way we can, and the best way to do that right now is through the local boards that have been established in each country.

At this point the greatest needs in terms of financial assistance are in Slovakia and Latvia. We are still waiting to hear from our Sisters in Hungary as to whether or not they need assistance. When we hear from them, we will let you know.

Here is the bank information for the Sisters in Slovakia.

Account Holder:               Kongregácia sestier dominikánok blahoslavenej Imeldy

Address:                            Parková 27, 821 05 Bratislava

Bank:                                 Tatrabanka, a.s. Hodžovo námeste 3, 811 06 Bratislava, Slovensko (Slovakia)

Account Number:              2669704092

Bank Code (Key):              1100

IBAN:                                  SK14 1100 0000 0026 6970 4092. 

SWIFT CODE (BIC):        TATRSKBX

And…..attached is a message from our sister, Hannah Rita Laue, OP, from Riga, Latvia. She and her housemates have started to receive Ukranian refugees, and would appreciate your help. The bank information is as follows:

Account Holder:       Dominikanerinnen von Bethanien e.V.     
Address:                    
Ungerather Str. 1-15, 41366 Schwalmtal/Waldniel  Germany
IBAN:                           DE 6147 2603 0700 2145 0001    BIC: GENODEM1BKC   

Bank :                        Bank für Kirche und Caritas          
Address:                    Kamp 17, 33098 Paderborn, Germany

 In prayerful solidarity,

Your sisters,

Pilar del Barrio, OP and Margaret Mayce, OP

UPDATE ON UKRAINE

Letter from Sr. Margaret Mayce, 15 Mar 2022

Please download the letter by clicking here.

Dear Sisters,

We have heard from Sr. Karola Mária Dravecká, OP, General Prioress of the Slovak Congregation of Dominican Sisters of Blessed Imelda. Her letter is attached to this message, along with several photos of some of the refugee children being helped. You will note that one of their Sisters, Sr. Lydia, has remained in Ukraine to assist with the needs of refugees. Other Sisters in the Congregation have been go

ing to the border, to meet the refugees as they enter, and bring some of them to the Sisters’ houses. Sr. Karola has provided Bank Information (see below) for those who feel that they want to help this effort. Please note that the Congregations street address is included, for those of you who need to include this in the wire transfer: 

Bank Account Number: Bank Code (Key): IBAN:

SWIFT CODE (BIC): Account Holder:

Tatrabanka, a.s. Hodžovo námeste 3, 811 06 Bratislava, Slovensko (Slovakia)

2669704092 1100

SK14 1100 0000 0026 6970 4092
TATRSKBX
Kongregácia sestier dominikánok blahoslavenej Imeldy Parková 27
821 05 Bratislava

Sr. Hannah Rita Laue, OP, and her housemates (Dominican Congregation of Bethany), have opened their home in Latvia to refugees. Hannah writes:

So far the women and the little child living at our place are able to even pay a little rent for their place. We are happy about it, mostly because it gives them the feeling of still being in controle and protects their feeling of dignity. We are going to buy new mattresses, two more fridges and another washing machine and maybe two mini-ovens. This gives us a chance to create separate territories for families. It is so important to have a safe, private space, a room for intimacy with your own grief and fears, and to relax, as far as that is possible

As of now, they are managing with the assistance of donations from Germany. She will let us know if their situation becomes such that other assistance is needed.

Sr. Gene Poore has been in touch with Sr. Krista Ludmila Chladkova, OP Prioress of the Czech Congregation Dominican Sisters. Sr. Krista writes:

Thank you very much for your e-mail and your readiness to help. I am sure you have already heard from the Slovak Sisters who have a community in Ukraine – help is definitely most needed there. As for us, we offered our guest rooms in different communities to several families. For some time, we are able to take care of them (food, clothes, some transport…). But later… And of course, there are many people needing help all around us. Some of us help as volunteers with the Catholic Charity and if there is any money, we know how to use it.

With a prayer,
sr. Krista OP
Bank Information for Czech Sisters:

Account Owner Account type Account number IBAN

BIC / SWIFT code Address of Congregation:

ČESKÁ KONGREGACE SESTER DOMINIKÁNEK Cash account
7000760247/0100 CZ6301000000007000760247

KOMBCZPPXXX Veveri 469/27

602 00 Brno Czech Republic

Finally, some have requested the bank information for the Sisters in Madrid again:

Banco Santander Calle Serrano, 51 28006 Madrid

IBAN: ES5900495150132993025088 SWIFT: BSCHESMM

Bank Account holder: Santo Domingo De Granada Curia General (R2800286C)
San Mariano, 16
28022

Madrid
Please indicate that the donation is for: Evacuación Ucrania

Thank you for your continued prayers and your efforts to offer assistance in whatever way works best for you. We will keep you informed as we receive additional information from our Sisters.

During this season of conversion and change of heart, we also pray for those who willfully inflict such devastation on Ukraine and on its innocent civilian population.

Wishing you peace, Your sister,

Margaret Mayce, OP

 

DIM DITEY CENTER, in KIEV

Lettera di corrispondenza delle suore della Congregazione di San Domenico

Le suore della Congregazione di San Domenico hanno gestito un centro Dim Ditey a Kiev, dove ora stanno accogliendo i rifugiati. Ecco una lettera di corrispondenza di queste sorelle:

"Abbiamo continuato a rimanere in contatto con la nostra gente, attraverso i gruppi Viber, WhatsApp e Facebook che abbiamo. Alcuni sono rifugiati nella nostra casa di Kiev, altri sulle strade verso le case di parenti e amici in Germania, Polonia, Austria....

La maggior parte di loro si trova ora in diversi punti della frontiera con la Polonia dove Liuba, il direttore tecnico del centro, in collaborazione con le due ONG, delle Asturie e di Ciudad Real, sta organizzando l'accoglienza nelle famiglie in Spagna dove sono venuti durante le estati e l'aiuto è convogliato prima di tutto a questi bambini del DIM DITEY CENTER, from KIEV“. 

In accordo con la Congregazione, la scuola di San José a Sotrondio, nelle Asturie, che era chiusa da due anni, sarà aperta come luogo d'incontro perché una delle ONG con cui portavamo i bambini in Spagna per le vacanze estive è di quella zona. 

Questo è il luogo dove avverrà la prima accoglienza all'arrivo di tutti i bambini, prima di distribuirli alle famiglie. I bambini saranno accompagnati dalle loro madri, e noi dovremo aiutare a sostenerli fino al momento di tornare in Ucraina. I volontari stanno già preparando il luogo e con l'aiuto del Presidente del Principato delle Asturie si stanno accelerando le pratiche. Molte persone vicine al Collegio, stanno preparando tutto e sono in contatto con noi e con Liuba, la nostra direttrice tecnica che si trova alla frontiera, con i suoi anziani genitori e sua figlia di 11 anni che si prende cura di loro, affinché possa fare questo lavoro per il bene di tutti".

Suor Pilar, la coordinatrice delle Suore Domenicane Europa ha parlato con le suore e stanno già ospitando 23 persone e altre 55 arriveranno sabato. Stanno cercando fondi per noleggiare altri autobus per portare fino a 130 persone, per ora, che sono già con questo gruppo in Polonia. Ci sarà bisogno di aiuto per soddisfare le necessità di cibo, salute, ecc. delle persone che arrivano. 

Le donazioni possono essere effettuate sul seguente conto bancario:

BANCO SANTANDER

IBAN: ES5900495150132993025088

SWIFT: BSCHESMM

Account holder: SANTO DOMINGO DE GRANADA CURIA GENERAL (R2800286C)

Si prega di indicare che il trasferimento è per: Evacuazione Ucrania

Suore domenicane in Ucraina

Siamo in solidarietà di preghiera con le nostre sorelle domenicane in Ucraina, Bielorussia, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia, Polonia, Romania, Russia e Slovacchia

Il 28 febbraio 2022, Sr. Margaret Mayce (coordinatrice internazionale del DSIC) e Sr. Pilar del Barrio (coordinatrice per l'Europa) hanno inviato una lettera chiedendo preghiere per l'Ucraina e assicurando alle suore il nostro sostegno. 

Please click here to download the letter.

Ecco una lista di congregazioni che sono presenti in Ucraina, così come nei paesi che la circondano: Russia, Lettonia, Bielorussia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Romania. Queste informazioni sono basate su ciò che abbiamo fino ad oggi nel nostro database. Se ci sono altre Congregazioni presenti in questi paesi, fatecelo sapere. 

Zgromadzenie Sióstr św. Dominika – Krakow, Poland – Presence in: Belarus, Russia, Ukraine

Siostry Dominikanki Misjonarki Jezusa i Maryi – Warsaw, Poland – Presence in: Latvia, Russia

Ceska Kongregace Sester Dominikanek – Brno, Czech Republic – Presence in: Czech Republic

Dominican Sisters of Saint Margaret of Hungary – Budapest, Hungary – Presence in: Hungary

Kongregácia Sestier Dominikánok Blahoslavenej Imeldy – Bratislava, Slovakia – Presence in : Slovakia, Ukraine

Dominikanerinnen von Bethanien von Venlo – Haelen, The Netherlands – Presence in: The Netherlands, Germany, Latvia

Congregación Santo Domingo – Madrid, Spain – Presence in: Ukraine

Congregación de las Hermanas Dominicas de Betania – Bogota, Colombia Presence in: Slovakia

Unione Santa Caterina da Siena delle Missionarie della Scuola – Rome Presence in: Poland

Suore Domenicane di Santa Maria del Rosario – Prato, Italy Presence in: Poland, Romania

YSOP 2022 - Rapporto

Young Sisters of the Order of Predachers (YSOP) è un incontro annuale che riunisce giovani suore dominicane di tutta l’Europa. Le giovani suore dominicane comprendono novizie e suore con meno di 20 anni di professione religiosa. Se necessario, saranno fornite traduzioni in diverse lingue.

Tema per gennaio 2022: Predicare le sorelle per davvero

 

Ecco un resoconto dell'incontro YSOP da parte di Sr. Mónica Marco, Congregación Santo Domingo:

 

60 suore, 16 paesi, 24 congregazioni, 7 novizie, 10 juniores, 43 suore con meno di 20 anni di voti, 6 gruppi linguistici, 3 eccellenti conferenze e preziosi spazi di condivisione sono solo una parte della ricchezza dell'incontro YSOP 2022 che si è svolto praticamente dal 7 al 9 gennaio sotto il tema Segni dei tempi e distorsione della verità. L'incontro, organizzato da DSE (Suore Domenicane d'Europa) ha incentrato il suo contenuto sull'analisi di ciò che significa essere una sorella domenicana, un predicatore, nella Chiesa e nel mondo di oggi.

 

Il primo intervento "Cosa significa la vocazione domenicana nella Chiesa di oggi? Felicísimo Martínez OP, che ci ha invitato a ricordare il nostro progetto fondazionale, il nostro carisma e il nostro domenicano del nostro progetto di fondazione, del nostro carisma e della storia domenicana, in modo da poterli aggiornare e che possano essere per aggiornarli in modo che possano essere significativi e fruttuosi nel rispondere alle esigenze dei nostri contemporanei. i nostri contemporanei.

 

Ha evidenziato 6 aspetti che il nostro carisma dovrebbe aiutarci a portare nel mondo di oggi: l'umanità come atteggiamento fondamentale; l'autonomia e la libertà come idee e valori inalienabili della persona; la contemplazione domenicana, l'esperienza di Dio e la ricerca del senso della vita; il dono della comunità e il bisogno del nostro mondo di questa esperienza di incontro; la missione della predicazione e il nostro compito di accreditare la Parola e testimoniarla nella nostra vita.

    Marie Berretz OP ci ha esortato a riflettere su tutto ciò che una suora non è (non siamo frati, né suore, né laici, né...) e da lì, a scoprire tutto - quanto - siamo e la grande opportunità che abbiamo di costruire la nostra identità come predicatori, come testimoni della Buona Novella. Ha sottolineato che essere una sorella predicatrice è più un atteggiamento che un'attività, perché noi predichiamo in e con tutti gli aspetti della nostra vita. Ha anche sottolineato che per predicare è importante avere qualcosa in comune con gli altri (un hobby, per esempio), perché non possiamo vivere ai margini delle nostre comunità, non riferendosi esclusivamente a quelle congregazionali, ma a quelle sociali. Ha concluso invitandoci ad essere felici di essere predicatori.

    Nella terza e ultima relazione "Cosa significa vivere i voti come suora domenicana", Sr. Deák Hedvig OP ha concentrato la sua riflessione sul modo domenicano di vivere i voti a partire dalla tradizione spirituale e intellettuale di San Tommaso d'Aquino. Ha sottolineato che non è possibile vivere i voti se non sono incarnati, ma non è nemmeno possibile viverli se li spiritualizziamo troppo. Entrambi gli estremi perdono di vista la parte umana, la parte cristiana. Ha parlato della sfida antropologica di vivere i voti come modello di libertà e come dono di un amico saggio che è Cristo. Sono generosità e libertà, e il risultato di una relazione d'amore reciproca.

Dopo ciascuna delle presentazioni, abbiamo avuto l'opportunità di condividere in gruppi linguistici. Abbiamo evidenziato la ricchezza di avere uno spazio condiviso di riflessione, dove, al di là dei contenuti, ci siamo resi conto che nonostante le origini, le tappe formative e le traiettorie molto diverse nelle diverse Congregazioni, così come i diversi contesti sociali in cui siamo inseriti, i punti salienti delle riflessioni convergevano nelle stesse chiavi, segno della ricchezza della nostra unità e diversità. La valutazione dell'incontro è stata molto positiva, e speriamo di poter ritornare all'incontro molto presto.

Monica Marco
Congregation of St. Dominic
January 2022

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Solidarietà - Isola di La palma

Un rapporto dalle suore dominicane dell'isola di La Palma, su come l'eruzione del vulcano sta colpendo la gente del posto e su come la solidarietà sta aiutando.

Inmaculada Becerra, suora domenicana missionaria della Sacra Famiglia, di La Palma (Isole Canarie, Spagna)

Se ci avessero detto due anni fa che il modo di vivere sarebbe cambiato così velocemente, che avremmo dovuto adattarci a nuove regole, che queste regole avrebbero interessato l'intero pianeta, avremmo pensato che fosse la sceneggiatura di un film di fiction. Abbiamo passato un anno ad adattarci alle regole della pandemia di COVID'19 e quando sembrava che avessimo tutto sotto controllo nella nostra isola di La Palma, è arrivato il momento che era già stato annunciato prima della pandemia, il vulcano è esploso, la Natura ci ha mostrato ancora una volta il suo volto più bello e più duro allo stesso tempo.
 

Siamo isole vulcaniche, quindi sappiamo che questo può accadere. Solo 50 anni fa il vulcano Teneguía aveva eruttato sull'isola, che era una grande attrazione per gli isolani e per i forestieri, ma era un vulcano vicino al mare, in una zona scarsamente popolata. Era qualcosa di spettacolare e bello, non ha fatto praticamente nessun danno. Chi ricorda ancora il vulcano San Juan del 1949 sa che la sua forza era incontrollabile, ma non c'erano case da portare via e Teneguía era molto vicina alla costa.

Il 19 settembre, l'allarme era già stato lanciato, era pronto a fare la sua apparizione, non era chiaro dove, né esattamente quando, ma quella domenica l'isola aveva notato la sua vicinanza alla superficie. Alcune persone stavano camminando cercando il momento e il luogo in cui sarebbe apparsa, e così è stato, hanno sentito l'esplosione e poi un silenzio inspiegabile, così come la loro reazione è stata quella di scappare e fermarsi sui loro passi per catturare il momento con la retina dei loro occhi e la macchina fotografica.


Manca una settimana all'anniversario di due mesi di quel giorno, un giorno che rimane nella memoria di tutti noi che viviamo sull'isola. È stato un momento emozionante vivere questa esperienza, ma il momento si è trasformato in terrificante quando hanno scoperto che il luogo dove emergeva la bocca del vulcano era in una zona abbastanza popolata, lontano dal mare e con una pendenza che avrebbe fatto sì che la lava spazzasse via migliaia di case, piantagioni di banane e altre coltivazioni, e vite che avevano costruito la loro esistenza in piccoli luoghi pieni di ricordi ed esperienze. Dovettero scappare, portando solo quello che avevano preparato, alcuni riuscirono a tornare per raccogliere mobili, effetti personali e altre cose, altri rimasero con i vestiti che avevano addosso. Alcuni spostavano le loro cose in diverse case che dovevano essere sgomberate più tardi a causa dell'anticipo della lavanderia, si sentivano come se stessero rubando in casa propria, dovendo ritirare tutto in 15 minuti. Ormai più di 1.000 ettari di terreno sono stati coperti dalla lava, più di 2.000 edifici sono stati distrutti, più di 7.000 persone sono state sfollate dalle loro case e molte non avranno più un posto dove tornare.
La grandezza dei terremoti, le emissioni di gas dalle diverse bocche del vulcano, l'avanzata della lava e la distruzione, così come il rumore assordante e la caduta della cenere che copre tutto. A differenza della bellezza della neve in inverno, la cenere non si scioglie e se non c'è nessuno che la rimuova, si unisce alla distruzione della lava. Tanto grande quanto la grandezza distruttiva, se non maggiore, è la solidarietà di molte parti del mondo con l'isola di La Palma. La risposta è stata immediata. Messaggi, telefonate, mail, tutti chiedevano come potevano aiutare, le risorse arrivavano subito, per chi non aveva avuto il tempo di prendere il minimo per iniziare la nuova vita. La stragrande maggioranza ha trovato una casa in cui rifugiarsi, famiglie, amici, e intendo una casa, non un'abitazione.
La nostra Famiglia Domenicana, dal minuto zero, ci ha contattato per trovare il modo di essere al fianco di coloro che avevano bisogno di aiuto. È una presenza che non è scomparsa dopo il primo momento della catastrofe, ma continua a cercare modi per essere presente e continuare a praticare la compassione che San Domenico aveva come bastone nella sua vita, per essere al fianco di chi ha bisogno. Attraverso le diverse congregazioni di suore, i frati, la Fondazione educativa San Domenico, le comunità laiche, arrivano gli aiuti perché possano essere distribuiti, attraverso la Caritas, a chi ne ha bisogno.

La Palma è un'isola molto piccola ed è facile incontrare persone, famiglie che hanno subito le conseguenze del vulcano, sapere della loro sofferenza in questo momento, ma anche della loro forza di essere in prima linea nell'aiuto e nella collaborazione affinché non manchi nulla, materiale, spirituale o psicologico, ai più colpiti, a coloro che sono lì per aiutare, a coloro che danno ciò che hanno e ciò che sono affinché non manchi nulla a nessuno. Abbiamo sentito e sentiamo il calore della solidarietà delle persone che sanno essere presenti per rispondere nei momenti più difficili senza pensare a chi stanno aiutando, dando tutto per rendere più sopportabile la durezza del vulcano. Non possiamo estinguerlo, ma possiamo fare in modo che la sua distruzione non provochi tanti danni. Sarà difficile tornare dal vulcano, ma nulla è impossibile a Dio, e questo ci aiuta a non perdere la speranza, a rafforzare la fraternità e la solidarietà, a cercare insieme una via d'uscita da questa situazione.
Grazie per averci fatto sentire il calore della Famiglia, per aver scoperto che un posto piccolo come questo può rendere i cuori così grandi in tanti luoghi del mondo e che la speranza che "un mondo migliore è possibile" non è persa.

Inmaculada Becerra, suora domenicana missionaria della Sacra Famiglia, di La Palma (Isole Canarie, Spagna)

Translated from Spanish with Deepl.

 

Insegnamento sociale cattolico

CORSO ONLINE aperto alle suore domenicane di tutto il mondo, in base alla disponibilità di spazio

Il corso sarà in inglese e francese.

Le sorelle interessate sono pregate di registrarsi con Sr Marguerite NGUESSAN via WHATSAPP +250 787 752 927

Si prega di scaricare l'annuncio del corso cliccando qui: English, Français

URBI et orbi : Dominican Preaching to the City and to the World in the time of pandemic

October 12 – 14, 2021
 

or EMAIL: urbietorbi2021@letran.edu.ph

For more information please visit: https://www.op.org/event/urbi-et-orbi/

Given the challenges brought about by the COVID19 pandemic, the
Second INTERNATIONAL COLLOQUIUM ON DOMINICAN
PREACHING shall be conducted VIRTUALLY, via ZOOM, on October
12-14, 2021, premiered across different international time zones.

USA (GMT-5) 8:00 a.m.

Europe (GMT+2) 3:00 p.m.

Philippines (GMT+8) 9:00 p.m.

The Colloquium is open FOR FREE to the members of the Dominican
Family, lay associates, collaborators and partners in mission and
ministry, world-wide.
The language of the Colloquium shall be English.
 
The Colloquium features keynote addresses and discourses from:
 
  • Brother Gerard Francisco P. Timoner, III, OP, Master of the
    Order;
  • Sister Margaret Mayce, OP, International Coordinator of the
    Dominican Sisters International;
  • Sister Barbara Beaumont, OP, Monastery of Pius XII, Fatima,
    Portugal and Association of Sister Historians of the Order of
    Preachers (SHOP), Fanjeaux, France;
  • Ms. Ann Garrido, PhD, lay professor from the Aquinas Institute
    of Theology, USA.

Passionate Preachers

Anual meeting of the “youngest” sisters of Spain

For the last ten years in Spain, Dominican sisters of apostolic life, around 50 years of age have been called together to share the richness that unites us: Dominican spirituality and charism.
 
As every year, the meeting took place on the last weekend of September (25-26). It was a meeting lived with joy, seriousness and commitment which, for the second year, we had to hold virtually, because of the pandemic and thanks to the possibilities of technology.
 

Twenty-eight sisters participated this year, with the desire to work together on certain reflections, which some of them had previously given us. The work we have done has helped us to discover which are the strengths we have to keep on walking, which are the brakes that prevent us from doing so and which would be the first steps to take.

Dreams, dreams, dreams… intuited as possible answers to the needs of our time, to the needs of the women and men around us, to our own needs as women inserted here; to favour the search for meaning, personal growth and the encounter with the Spirit.
 
We have noted the difficulty, and we have told ourselves that we are ready to take the first step together. That step that will help us to take root in us our identity as free women, guided by grace, called to gestate the light of a new life.
 

Margaret Mayce, general coordinator of the DSIC (Confederation of Dominican Sisters International) was present. Her shared and meditated reflection was important for all of us. On Sunday morning we also had the presence of Pilar del Barrio, Coordinator of the Dominican Sisters of Europe (DSE).
Margaret invited us to contemplate Mary Magdalene on the morning of the resurrection. With her, we were tempted to cling to what no longer exists and also, with her, we felt free to sense the new time that marks the resurrection. Invited to collaborate, to share… called to announce the resurrection to all people.
Margaret Mayce presented to us the path that DSI has been following since its constitution in 1995, based on the desire to support and strengthen collaboration between the 147 women’s congregations of Dominican apostolic life, which bring together 19,407 sisters present in 109 countries. She also conveyed to us that the need to share the Dominican life and spirit, beyond the specifics of each of the congregational charisms, is a search that is present in many other places.

Translated from Spanish with www.DeepL.com/Translator

Lumen Dominican centre - autumn semester

Registration is now open for a number of online modules at Lumen which might be of interest to sisters in the wider Dominican world.  Please click here to download the brochure!

DSIC revisioning process June 19, 2021

All'incontro annuale YSOP che ha avuto luogo nel gennaio di quest'anno, Sr. Margaret Mayce, la coordinatrice del DSIC, ha parlato di un processo di revisione intergenerazionale del DSIC. Il DSIC è spesso pensato come qualcosa che ha a che fare con le priore e le priore generali, ma la visione è quella di coinvolgere attivamente le sorelle alla base. Alla luce di questo, Sr. Margaret ha introdotto quattro domande su cui il consiglio DSIC vorrebbe che le suore riflettessero:

  1. What is your hope / dream for DSIC over the next 5 years? / ¿cuál es su esperanza/sueño para el DSIC en los próximos 5 años? / was ist Ihre Hoffnung / Ihr Traum für DSIC in den nächsten 5 Jahren? / quel est votre espoir / rêve pour le DSIC au cours des 5 prochaines années ?
  2. In order to achieve this, what do we need to do NOW? / para conseguirlo, ¿qué tenemos que hacer AHORA? / um dies zu erreichen, was müssen wir JETZT tun? / afin de réaliser cet objectif, que devons-nous faire MAINTENANT ?
  3. In order to realize our hopes/dreams, what do we need to let go of? / para realizar nuestras esperanzas/sueños, ¿qué tenemos que dejar de hacer? / um unsere Hoffnungen/Träume zu verwirklichen, was müssen wir loslassen? / afin de réaliser nos espoirs/rêves, que devons-nous laisser tomber ?
  4. What are the most essential (non-negotiable) elements of our Dominican Apostolic life as we move into the future? / ¿Cuáles son los elementos más esenciales (no negociables) de nuestra vida apostólica dominicana a medida que avanzamos hacia el futuro? / Was sind die wesentlichsten (nicht verhandelbaren) Elemente unseres dominikanisch-apostolischen Lebens, wenn wir in die Zukunft gehen? / quels sont les éléments les plus essentiels (non négociables) de notre vie apostolique dominicaine à l’avenir ?
  5. How can DSIC be helpful in this process of visioning? / ¿Cómo puede DSIC ser útil en este proceso de visión? / Wie kann DSIC bei diesem Visionsprozess hilfreich sein? / Comment la DSIC peut-elle être utile dans ce processus de vision ?

La struttura ideale di un processo di revisione seguirebbe il modello della visita - un incontro intergenerazionale tra Elisabetta e Maria. Cioè, avere un gruppo di sorelle più giovani e un gruppo di sorelle più anziane in ogni zona continentale per riflettere su queste domande, raccogliere le risposte e poi far incontrare i rappresentanti di ogni gruppo e discutere in un contesto internazionale e intergenerazionale. Un primo passo di questo processo di revisione in Europa ha avuto luogo in aprile nell'incontro di formazione permanente per le suore oltre i 50 anni, dove una parte dell'incontro è stata dedicata alla riflessione su queste domande e sulle risposte raccolte. Il secondo passo è stato l'incontro del 19 giugno per le suore sotto i 50 anni, dove si è riflettuto sulle stesse domande e si sono raccolte le risposte.

C'erano circa 35 partecipanti alle riunioni dello zoom e tra i partecipanti c'erano suore del livello di noviziato e juniorato e suore di voti perpetui. L'incontro si è tenuto in inglese e sono state fornite traduzioni in francese, tedesco e spagnolo. Anche se alcune delle sorelle avevano già partecipato agli incontri DSE, per molte di loro questo era il primo incontro con DSIC e DSE. Il programma prevedeva due sessioni di zoom: nella sessione del mattino, sr. Veronica Rafferty ha dato un'eccellente panoramica degli inizi di DSIC e della visione dei fondatori. Il suo intervento è stato seguito da Sr. Margaret Mayce, che ha fornito un quadro dettagliato dello stato attuale di DSIC e della necessità di un impegno a livello di base. Nella sessione successiva, i partecipanti sono stati divisi in gruppi secondo la lingua e lo stadio di formazione e sono stati invitati a discutere le domande di cui sopra. Questo è stato seguito da una discussione in plenum dove ogni gruppo ha riassunto le proprie riflessioni. 

Ecco un feedback della riunione da parte di Sr. Carine Michel, Congrégation Romaine de Saint Dominique

Sono stata molto felice di partecipare all'incontro DSE per le suore sotto i 50 anni. Questo incontro zoom mi ha permesso di conoscere meglio DSI (e DSIC), di cui avevo sentito parlare poco prima, grazie alle conferenze di Sr Margaret e Sr Veroniqua. Il tempo trascorso nel piccolo gruppo mi ha permesso di incontrare giovani suore di altre congregazioni domenicane e il nostro scambio ha riacceso il desiderio di organizzare un incontro di giovani suore domenicane in Francia, per permetterci di stringere legami della stessa generazione. Grazie di cuore alla DSE per aver reso possibile questo incontro! (Tradotto dal francese con www.DeepL.com)

 

UNA VITA DI DEDIZIONE

Suor Imelda Fernandez è morta il 21 aprile 2021 ed ecco una recensione della sua vita scritta da Suor Cristina Antolin Tomas, Priora generale, CSD.

Solo tre settimane fa, nella nostra Congregazione Santo Domingo, abbiamo salutato una grande sorella: Imelda Fernández Rodríguez, che dopo quasi quattro anni di malattia è tornata alla casa del Padre il 20 aprile 2021.
Asturiana di nascita, con grande fede, amore e fiducia nella "santina" a cui ha sempre affidato la sua vita e le sue difficoltà, Imelda ha vissuto la maggior parte dei suoi anni di vita consacrata fuori dalla sua terra natale. Era una donna di profonda preghiera, aveva un cuore generoso, sensibile ai bisogni degli altri, gioiosa, semplice, sincera, vicina, accogliente. Oggi le sue sorelle sentono il vuoto che ci lascia, ma siamo sicuri che dal cielo continua a vegliare su di noi.
Ha trascorso la sua giovinezza in Colombia e quando è tornata in Spagna, ha sviluppato con grande dedizione la sua vocazione di educatrice in varie scuole. È stata maestra di novizie per molti anni e molte generazioni sono passate attraverso di lei e ha seminato in loro i pilastri della vita domenicana, specialmente l'amore della Parola.
I suoi ultimi anni sono stati di dedizione incondizionata alla Congregazione come Priora Generale, dal 2005 al 2017. Il suo amore per la missione della Congregazione e per le giovani in formazione, la sua generosità e dedizione, la portarono ad offrirsi, alla fine del suo secondo mandato, per aiutare nella casa del noviziato in Camerun, missione che compì solo per poco tempo perché una delicata malattia la fece tornare in Spagna.
Quest'ultimo periodo è stato di grande sofferenza, ma aveva sempre il sorriso sulle labbra. Ha sopportato la sua malattia con grande fede, coraggio e speranza, offrendo per la sua Congregazione tutto il suo dolore, un sacrificio d'amore che porta sempre frutto.
Oggi ringraziamo Dio per la sua vita, per la sua dedizione. Sappiamo che è già risorta con Cristo, che riposa in pace e vive per sempre. Rimarrà presente nella nostra memoria e nei nostri cuori.

Dominican Sisters at the United Nations

 On 26 March 2021, the dominican sisters at the United Nations discussed Sustainable Development Goal 5: Women’s Empowerment and Gender Equality.

Here is the link to the video. The French and Spanish presentations have English subtitles .

communitas conference

 “Communitas” is an interfaculty conference that brings together experts from across the various disciplines of the PUST to present, debate and deepen our understanding of a topic of crucial importance for our day. In 2018-2019, the topic was “The Common Good or the Throw Away Society. Foundational Reflections and Practical Applications”; in 2019-2020, the conference was due to be on law, but had to be cancelled because of the pandemic. In 2020- 2021, Communitas provides the university with the opportunity to focus on “Preaching and the Arts”. For the first time in the history of this conference, it will be open to the participation of friars, sisters and lay Dominicans in Italy, either as main speakers, respondents or participants.

Preaching is a complex activity, but most would agree that communicating the faith is at its heart. For most of history (even if less so now), the complex activity of artists has been considered, at least in part, as a form of communication. It is not surprising, therefore, that the Order of Preachers has a long association with the arts, seen as an integral part of the order’s central charism of preaching.

In the year of the 800th anniversary of the dies natalis of St Dominic . . . . . . in a world that is becoming more visual, narrative and secularized, . . . where a rational presentation of the faith is increasingly rejected, and, . . . where the arts in the West have become largely separated from the sources of religious inspiration which have fed them until well into the 20th century: the interfaculty conference, Communitas 2021, addresses the topic of “Preaching and the Arts”.

More info

Registration to Communitas 2021 Events

Communitas website

Webinar: Changing the narrative, one story at a time

The Dominican Sisters at the United Nations invite you to join their webinar with panelists from 5 continents on 26 March 2021.
We will engage with stories from our panelists who have found their inner strength to act for themselves and others.
 
📍 The event will be available in English, French, Spanish and Arabic.
📍 Find out more about the event on this flyer

Two major UN commissions in FEb and MAR

The Commission for Social Development (Online | 8 – 17 Feb 2021)

UN Commission on the Status of Women (Online | 14 – 26 Mar 2021)

Please download the announcement here.

You can find complete information on the CSW65 on the UN website:  English, Français, Español

Capture1

Report on YSOP 2021

by Sr. Eileen O’Connell OP, Dominican Sisters Cabra

Our sisters in Madrid were to be our hosts for the 2021 YSOP gathering but, as with so much else, COVID-19 intervened. It did not however prevent 40 sisters coming together even while staying apart – by Zoom. The language zones of DSE were represented by sisters of various nationalities and congregations. Our theme was: signs of the times in the distortion of truth. Sr Gemma Morató Sendra OP and Fr Timothy Radcliffe OP offered rich insights.

With Sr Gemma, we considered our current reality. In a post-truth world, emotions and not facts determine what one accepts as truth. Fake news, deliberation distortion of truth to manipulate emotions and beliefs, spreads ever-wider and faster and threatens to undermine  society. Dominicans, with our motto Truth, seem an unlikely fit here. Yet, the concern that moved St Dominic must also drive us to engage fully, asking like him: what will become of this world? How might we do this? Almost counter-intuitively, the shift beyond Bauman’s ‘liquid society’ to ‘gaseous society’ – everything is volatile, transitory, interpersonal links are weak, search for identity is central, fear of insecurity looms large – offers us a space to contribute. We Dominicans, who have given our whole lives to following God, can relate to this ‘gaseous’ world where everything is relative, there are no certainties, the lifelong nature of our commitment is so alien. In the ever-shifting ground of today, we consecrated Dominicans can tell that our life is rooted in something – or in someone: the God of compassion. We can communicate best by showing people our lives. Our communal life can offer a strong witness to God. Many experience loneliness and existential emptiness, exacerbated by society’s focus on individual over community. We can demonstrate the gift of communal life as a remedy to this pain only if we live together well. This calls us to put a new focus on the quality of our communal life. We can be obsessed with, even oppressed by, the busyness of mission and our communal life suffers. If it causes us to weaken or lose the witness of communal life, busyness becomes an unhelpful, unhealthy trap.

Fr Timothy asked what seeking truth means in the fake news context and how we might undertake our mission of truth-telling in a manner that overcomes polarities. Echoing Sr Gemma, he identified relationships and understanding the other as antidotes to fake news and named twin ‘tools’ for uncovering truth: objective study along with conversations that foster friendship. Portrait painters use these to capture and disclose the truth of their subject. Likewise, for Dominicans as truth seekers, we need to combine “intense peering”, the discipline of serious study, with the “exhilaration of conversation”, a deep genuine interest in others. We need Dominican scholars specialised in their field (and enabled and supported to be thus) as much as “charitable” Dominican conversationalists – strong relationship-builders with committed students. Even when seemingly futile, we must reach across divisions and have difficult conversations. Only together can we undertake this act of hope and discover other people’s truth. Jesus uncomfortable engagement with the Samaritan woman becomes real only when his word “penetrates her aggression” to reach her life’s truth.

On Saturday, we met Sr Marie Monnet OP, Justice and Peace Promoter for Europe and the Middle East. Their aims are to inform (with newsletters) and instruct (online programmes). Asking which issues interest us, she encouraged sisters to explore Domuni University and to contact her if willing to teach. We were glad that Sr Margaret Mayce OP, DSIC International Coordinator, was with us. She introduced the 2021 global visioning process – coming together to share hopes and dreams for Dominican life and mission for the next five years and exploring how DSIC can help. She told us again of her commitment to involving young sisters in DSIC and her intention to include them in the 2022 Assembly.

Our thanks especially to Sr Pílar del Barrio OP, DSE Coordinator, and to the DSE Council members for planning and bringing to fruition YSOP21 despite the pandemic. Our thanks too to our translators who ensured language was not a barrier to our communication. It was good to be together. We look forward in hope to YSOP22 and pray that then we can meet safely in person once again.

Sr Eileen O’Connell OP  

Screenshot 2021-01-10 at 10.05.54

Justice & Peace Webminar

A HEART OPEN TO THE WHOLE WORLD

-Experiences of encounter with migrants
         Stephen Cummins (Ireland) and Alessandro Cortessi (Italy)
-Dialogue between cultures
         Claudio Monge (Istanbul)
-Relationship between care of creation and social justice
         Luc-Thomas Somme (Geneve)
-Local and universal dimensions
         Richard Finn (England)
-Openness to neighborhood
         Petro Balog (Ukraine)
 
                  Time: Jan 21, 2021 09:00 AM to 12:00 PM in Rome
 
 
 
 
IMG-20210119-WA0003

Segni dei tempi nella distorsione della verità

L'incontro annuale delle Giovani Sorelle dell'Ordine dei Predicatori (YSOP) si è tenuto lo scorso fine settimana (8-10 gennaio). Ci sono stati circa 29 partecipanti per ogni sessione di zoom e sono state offerte traduzioni in spagnolo, inglese e francese. Abbiamo avuto sessioni di gruppo e incontri sociali su zoom che hanno arricchito l'esperienza di stare insieme condividendo le nostre riflessioni.

Suor Gemma Morató, OP e Padre Timothy Radcliffe, OP hanno dato un eccellente contributo per la riflessione sul tema dell'incontro. I loro testi di presentazione possono essere scaricati cliccando sui seguenti link:

Fr. Timothy Radcliffe – Difficult conversations (English) (Español)

Sr Gemma Morató – Fake news (English, Español)

Lumen Dominican centre - spring semester

Registration is now open for a number of online modules at Lumen which might be of interest to sisters in the wider Dominican world.  Please click here to download the brochure!

WEBINAR : MONITORING AND ASSESSMENT OF HUMAN RIGHTS

Yao Agbetse, professor of human rights and
independent expert at the United Nations,
hosted a webinar in French and English.
You can click here and listen to the session
around the theme:

“Monitoring and Evaluation of Human
Rights and International Humanitarian Law
in the Context of Conflict: The Case of the
Central African Republic”

O-antiphones

The dominican sisters at Katarinahjemmet Oslo have made short videos of the O-antiphones that can be found on their blogpage.

O-antiphones from Katarinahjemmet

50, 60 e 70 anni di giubileo

Nella congregazione delle suore imeldine la risposta alla chiamata del Signore ha dato frutti pregiati: lo scorso 30 ottobre, infatti, alcune delle nostre sorelle hanno festeggiato il Giubileo di professione e di vita religiosa. Condividiamo la loro gioia e ci congratuliamo Sr. Leonia Dainese, Sr. Lina Basso e Sr. Matilde Nicoletti hanno celebrato il cinquantesimo anniversario, mentre Sr. Gabriella De Benetti, Sr. Tarcisia Ceoldo, Sr. Giulia di Raimo e Sr. Camilla Giacometti il loro sessantesimo. Per la nostra sorella Bruna Branca, invece, è stato il settantesimo.

Clicca qui per l'articolo sul loro sito web. Ecco i commenti delle suore che hanno celebrato l'anniversario, tradotti dall'italiano.

“L’attrattiva è simile a quella esercitata da qualcosa di bello, affascinante, coinvolgente. Così è stato per me. Celebrare il giubileo ha significato e significa Riconsegnarmi all’Amore con più intensità perché sto sperimentando, ancora dopo 50 anni, che Lui è fedele, è l’Unico che riempie la mia vita di dignità, di significato, di gratuità, di amore, di ogni bene che mi è necessario, non da tenere per me, ma da distribuire agli altri fratelli e sorelle. Come? Con la Parola, con la Presenza, con l’Interesse e la Cura, come fa Lui con me con il Dono di Se Stesso nell’Eucaristia. Non posso che esultare in LUI, lodarLo, ringraziarLo con tutto il cuore”. Sr. Leonia Dainese

“Lode e onore a Te, Signore, per la grande gioia della chiamata, e risposta con fede, di seguirti ovunque...sempre. Grazie! Sono 60 anni…ma sembra il primo giorno. Aiutami ad essere sempre pronta e fedele, con la grazia che viene da Te, Trinità infinita!” Sr. Giulia De Raimo

“E sulla Tua Parola che amo, credo e spero. Ancora canterò la tua misericordia, camminerò con Te, Signore, perché Tu mi hai chiamata e inviata: -Va’ a dire ai miei fratelli… Eccomi!-. Sr. Lina Basso

“With joy I celebrated my 60th anniversary of profession, thanking the Lord for the mercy used in these years that I would like to have been pleasing to him. I was given a candle as a symbol of my life, so that it is consumed before God. To this symbol I added my prayer: With the help of Mary, I want my life to be a yes, not only with prayer , but in the concreteness of my life ". Sr. Tarcisia Ceoldo

2_rinnovazione-delle-promesse_0

Primi voti

Ci congratuliamo con suor Marga e suor Catharina che hanno fatto la loro prima professione il 16 novembre 2020. Preghiamo per loro e per le suore domenicane in Olanda. Ecco la notifica del Consiglio della Congregazione delle Suore Domenicane della Sacra Famiglia Neerbosch, Paesi Bassi.

On Monday November 16, 2020 the Congregation of Dominican Sisters of the Holy Family – Neerbosch, celebrated the first profession of two sisters: Sister Marga and Sister Catharina. After a period of orientation they followed a year of noviciate. They studied Dominican life and spirituality and the apostolate of the congregation.

A year in which they could explore whether God was calling them to lead a life as a Dominican Sister. Both Sister Marga and Sister Catharina were confirmed in their choice to take the next step. They requested the Council for permission to take vows. The Council has wholeheartedly agreed to this.

The ceremony took place during the celebration of the Eucharist in our Saint Dominic’s Chapel in Nijmegen.

We trust that we may count on your prayers.

Council of the Congregation Dominican Sisters of the Holy Family Neerbosch, Netherlands

Netherlands_firstvows

Sub-Commission for Liturgical Music

On 7 November 2020, the Master of the Order has appointed a Sub-Commission for Liturgical Music, whose main responsibility is to provide the Dominican Family resources on the variety of music (chants, responsorials, etc.) that is utilized throughout the world.

We congratulate the members of this sub-commision:

  • Sr. Ragnhild Bjelland OP
  • fr. Thomas Möller, OP
  • fr. Łukasz Miśko, OP
  • Sr. Marie Trainar, OP

One of the tasks the sub-commission is engaged in is to get in touch with sisters who have a university level degree in music. If you are one of them or if you know of any sisters, please get in touch!

Dear sisters, 
 
I want to inform you that I’ve been nominated, together with two brothers and a nun, in a Sub-Commision of the Liturgical Commission and I look forward to this task.
We will have our own meetings, but will also have joint meetings with Cliop. This is very interesting and a good opportunity to find ways to cooperate in the liturgical and fraternal common life for all Dominicans and the Dominican family.
The socius for Fraternal life sent us an email the other day to explain why this Sub-Commission was formed and what kind of task it is:
 

The Master has appointed a Sub-Commission for Liturgical Music, whose main responsibility is to provide the Dominican Family resources on the variety of music (chants, responsorials, etc.) that is utilized throughout the world. The principal reason for the appointment  is division labor and ensuring that the Liturgical Commission is able to fulfill its tasks as outlined in the LCO and the ACTA of Bien Hoa. The hope of the Master is that the Sub-Commission can disseminate the traditional and contemporary music that is experienced throughout the world by the Dominican Family. The Curia is often asked if it has resources on traditional and contemporary music, and the answer is simply we do not. We hope to develop a depository of music that can be accessed by the whole Dominican Family.

In this regard, I want your help, both DSI and all the Congregations for the following:
  • Please send me the names and info of sisters who have a degree (university level) in music, we want to create a kind of Catalogue
  • please forward this mail to sisters who may have names 
I’ll come back to you when we know more 
 
Fraternal greetings 
Sr Ragnhild Marie op

Dsic blog - shared reflections

Please check out the blog page on DSIC website where Dominican sisters from all around the world share their experience of navigating the pandemic.

Link to the blog: https://www.dsiop.org/blog/

Informal zoom course - Aquinas on christ

A 9-week zoom course on what Aquinas (and the church) teaches about Jesus Christ starts on October 16, 2020.

If interested, please email:  MercifulLove1@gmail.com

For more information please visit: English Dominican Congregation of St. Catherine of Siena

“In Communion with the Sacred Universe The Story of An Tairseach.” by Sr. Marian O’Sullivan OP

The virtual launch of  “In Communion with the Sacred Universe The Story of An Tairseach.” by Sr. Marian O’Sullivan OP member of the An Tairseach community, took place on October 10, 2020.

For more information please visit: The Dominican Sisters Cabra

Primi voti

Il 3 ottobre 2020, le sorelle Maria Maddalena e Chiara Maria della Congregazione domenicana inglese di Santa Caterina da Siena hanno emesso i primi voti. Ringraziamo Dio per la sua chiamata e che il sì di suor Maddalena e di suor Chiara porti buoni frutti per la Santa Chiesa e sia fonte di ispirazione. Preghiamo per loro e per le tre nuove candidate che hanno appena iniziato il noviziato.

Maggiori informazioni: https://www.stonedominicans.org/news/216-novices-new-and-old-and-vows-being-made

Congratulazioni a suor Helen Alford

Sr. Helen Alford, vice-rettore dell'Angelicum, che è stata consulente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, è stata nominata alla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali il 4 settembre 2020. Sr. Helen Alford ha collaborato attivamente con le attività del DSI e del DSE offrendo lezioni durante le settimane di studio e impegnandosi in discussioni.

it_ITItaliano